lunedì 15 giugno 2009

3 Febbraio 1959 - Il Giorno in cui la Musica Morì


3 Febbraio 1959, maledetto fu quel giorno per tutti gli amanti del rock n' roll, a causa di un incidente aereo morirono 3 tra i più grandi artisti dell'epoca: Buddy Holly, Richie Valens (a soli 17 anni, una sua hit rimasta nella storia è "la Bamba") e Jiles Perry Richardson Jr. meglio conosiuto come The Big Booper. Questo post è scritto in particolare per uno di questi 3 artisti, Buddy Holly, personaggio che adoro e che ammiro con particolare piacere, tanto da meritare un posto fisso nell'immagine che vedete in cima al blog.
Charles Hardin Holley, nato a Lubbock in Texas il 7 settembre 1936, passò alla storia sotto il nome di Buddy Holly, Buddy era il nome con il quale lo chiamava la madre, ai tempi fu uno dei pochissimi artisti ad eguagliare Elvis Presley per fama; nacque da una famiglia già attiva nel campo musicale anche se il padrè si impegnò in diversi lavori quali il carpentiere ed il cuoco, conobbe la musica studiando prima piano e poi chitarra.
Fu uno dei primissimi artisti a suonare con una Fender Stratocaster.
Inziò negli anni '50 suonando country nei piccoli locali del sud-ovest degli USA, ma presto venne attratto dalla positività primaverile del rock che conobbe la nascita dei suoi primi boccioli proprio in quegli anni. Sempre più attratto dalla musica rock, Holly prese una svolta decisiva dopo che vide Elvis Presley in un concerto proprio a Lubbock, registrò così vari brani sia come solista sia come leader di un gruppo, i Crickets, per i quali firmò il grande successo "That'll Be the Day" nel 1957. Il titolo di questa canzone era curiosamente ispirato a una frase che l'attore John Wayne ripeteva nel film Sentieri selvaggi, uscito l'anno prima. Sarebbe difficile dicidere 3 o 4 canzoni come solitamente si fà per rendere l'idea di quale fosse lo stile di questo artista, le melodie delle sue canzoni spaziano dalle ballate dolci e lente ai riff rock n' roll dal ritmo sfrenato, perciò voglio fare una cosa, vi consiglierò degli album che raccolgono i suoi maggiori successi:




il primo fa parte di una catena di raccolte che prende il nome di Rock n' Roll Legends, album che ho acquistato più o meno un anno fa e che contiene tutti i suoi più grandi successi, unica pecca del cd è la mancanza di una hit come "Rave On", ma ve lo consiglio vivamente, E' MOLTO ECONOMICO.




il secondo si intitola The Buddy Holly Collection, due dischi da 25 tracce l'uno, in questi due dischi trovate molte delle canzoni già presenti nel disco che ho citato poco sopra, ma vi sono molte altre canzoni che in Rock n' Roll Legends mancano, il prezzo è più alto ma sicuramente abbordabile, circa 20€, considerando che sono 50 canzoni, mi sembra un buon compromesso.


clicca sulla foto per leggere l'articolo

ARTICOLONE: navigando in cerca di fonti ho trovato un articolo davvero toccante di Rolling Stone Magazine riguardo le ultime ore di vita di Buddy Holly, oltre agli ultimi momenti della sua vita, Paul McCartney racconta il giorno in cui apprese la notizia della morte di Holly; i Beatles erano grandissimi fan dell'artista tanto che quando ancora si chiamavano The Quarry Men, fecero una cover di That'll be the day con 2 chitarre in una registrazione casereccia ed anche Paul McCartey si cimentò con la sua Peggy Sue.
Don McLean fu un altro artista scosso dalla morte di Holly e anni dopo gli dedicò una canzone dal titolo The Day the Music Died, più conosciuta come American Pie, canzone che venne reinterpretata da una popstar femminile di poco talento nel 2000.

Videoteca:
http://www.youtube.com/watch?v=9QCkjE0ziW8
http://www.youtube.com/watch?v=e4t4iReNOhQ&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=S6uEjifqTaI&feature=related


Fonti:
http://www.morethings.com/music/buddy_holly/charles_hardin_holley_photo_gallery01.htm
http://boppingelf.blogspot.com/2008/05/buddy-holly-buddy-holly-collection-us.html
http://commander_889.ilcannocchiale.it/post/1383324.html
http://www.altiusdirectory.com/Society/2008/09/buddy-holly-7th-september-famous.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Buddy_Holly
http://www.rollingstonemagazine.it/vintage/le-ultime-ore-di-buddy-holly

1 commento:

  1. Buddy Holly nasce tre settimane prima del nostro "adoratissimo" primo ministro... Considerato che il Berlus. e Apicella compongono una notissima coppia di cantautori, tutto fa pensare che Buddy aveva tutte le carte in regola per diventare un grandissimo presidente degli USA (-;

    RispondiElimina